17 gen 2006 -17 gen 2015 con la stessa rabbia e con lo stesso amore. Ciao Antò

Oggi, 17 gennaio, anniversario del giorno in cui la precarietà si è abbattuta nel peggiore dei modi su di noi, portandoci via Antonio, lo abbiamo ricordato restaurando la scritta a San Lorenzo e con la poesia che riportiamo più in basso.

Di lavoro si muore perchè di precarietà si vive!

Ciao Antò, con rabbia e con amore,

le tue compagne e i tuoi compagni.

10838022_10153072596554887_7551881683264411574_o

Me sirve y no me sirve 

Di Mario Benedetti

La esperanza tan dulce
tan pulida tan triste
la promesa tan leve no me sirve

no me sirve tan mansa
la esperanza

la rabia tan sumisa
tan débil tan humilde
el furor tan prudente
no me sirve

no me sirve tan sabia
tanta rabia

el grito tan exacto
si el tiempo lo permite
alarido tan pulcro
no me sirve

no me sirve tan bueno
tanto trueno

el coraje tan dócil
la bravura tan chirle
la intrepidez tan lenta
no me sirve

no me sirve tan fría
la osadía

sí me sirve la vida
que es vida hasta morirse
el corazón alerta
sí me sirve

me sirve cuando avanza
la confianza

me sirve tu mirada
que es generosa y firme
y tu silencio franco
sí me sirve

me sirve la medida
de tu vida

me sirve tu futuro
que es un presente libre
y tu lucha de siempre
sí me sirve

me sirve tu batalla
sin medalla

me sirve la modestia
de tu orgullo posible
y tu mano segura
sí me sirve

me sirve tu sendero
compañero.

Mi serve e non mi serve

(Traduzione di Annalisa Melandri e Azor)

La speranza così dolce
così pulita così triste
la promessa cosi’  lieve
non mi serve

non mi serve così mite
la speranza

la rabbia così docile
così debole cosi’ umile
l’ira cosi’ prudente
non mi serve

non mi serve così saggia
tanta rabbia

il grido così giusto
se il tempo lo permette
l’ urlo  accurato
non mi serve

non mi serve così buono
un gran tuono

il coraggio così docile
la bravura così inconsistente
la sfrontatezza cosi’ lenta
non mi serve

non mi serve cosi’ fredda
l’ audacia

mi serve, si, la vita
che e’ vita fino a morirne
il cuore allerta
si, mi serve

mi serve quando avanza
la fiducia

mi serve il tuo sguardo
che e’ generoso e deciso
e il tuo silenzio schietto
si mi serve

mi serve la misura
della tua vita

mi serve il tuo futuro
che e’ un presente libero
e la tua lotta di sempre
si, mi serve

mi serve la tua battaglia
senza medaglia

mi serve la modestia
del tuo orgoglio possibile
e la tua mano sicura
si, mi serve

mi serve il tuo sentiero
compañero.

Le radici e le ali. La canzone dei Rancore dedicata ad Antonio ed altri recenti link.

 

Altri link, un articolo “su segnali di fumo”di qualche anno fà

https://drive.google.com/folderview?id=0B6W25rrutO7PZnBJNUJxSUc4X1U&usp=sharing

Share

I commenti sono chiusi.