Io Non Dimentico | 2006-2016 Renato Biagetti Contro Ogni Fascismo Acrobax Project
Venerdì 20 settembre / Presidio Antifascista per Pavlos ore 17.00 Piazza dell’Immacolata (San Lorenzo)

Venerdì 20 settembre / Presidio Antifascista per Pavlos ore 17.00 Piazza dell’Immacolata (San Lorenzo)

Nella notte tra il 17 e il 18 settembre 2013, vicino Atene, un gruppo di neonazisti di Alba Dorata ha ucciso Pavlos Fyssas, altrimenti noto come Killah P, un rapper e militante antagonista.

Share
Sabato 28 Settembre | PROVOCAZIONI FESTIVAL 4

Sabato 28 Settembre | PROVOCAZIONI FESTIVAL 4

Sabato 28 settembre 2013 torna a Roma ProvocAzioni Festival. Giunto alla sua 4° edizione, è diventato nel giro di pochissimi anni uno dei principali festival indipendenti di arte e musica elettronica della capitale, appuntamento irrinunciabile del collettivo Cromedrop, giunto al suo 5° anno di attività e ormai punto di riferimento del panorama romano.

Share
No MUOS: quando cade una rete, vince una lotta. “Macari ‘cca ava essiri dura”

No MUOS: quando cade una rete, vince una lotta. “Macari ‘cca ava essiri dura”

Il MUOS è un sistema di comunicazione militare statunitense ad altissima frequenza composto da tre trasmettitori parabolici basculanti che hanno un diametro di 20 metri.

Share
Renoize 2013

Renoize 2013

Abbiamo gli occhi ben aperti, perché non accada mai più.

Con rabbia e con amore.

Martedì 27 Agosto | Buenaonda | Focene | h 17 Beach Rugby | h 21 Parole e immagini per non dimenticare Renato

Sabato 31 Agosto | Parco Shuster (Basilica San Paolo) Roma | SPOOKYMAN | GIULIA ANANIA | PEDIGRI’ | RAPNOIZE WITH MAGIC TRIO | RIONE ROOTS REGGAE + CANTERINI | ROMANDERGROUND | LUCCI | 99 POSSE electronic live set

 

Spot

Share

Renoize 2013. L’orizzonte è la trasformazione

Questo è il sesto anno di Renoize, un’iniziativa musicale e culturale nata per ricordare l’assassinio di Renato Biagetti. Da sempre lo facciamo a parco Schuster, a San paolo, nel territorio in cui Renato viveva.

Share
27 Agosto 2006. Il silenzio è dei colpevoli

27 Agosto 2006. Il silenzio è dei colpevoli

Comunicato dell’assemblea del 30 agosto 2006

Sabato 27 agosto tre ragazzi sono stati aggrediti a freddo fuori da una dance hall a Focene.

Un ragazzo, Renato è morto. La tesi dei futili motivi e della rissa tra balordi va rifiutata a partire dalle testimonianze raccolte che portano ad individuare l’omicidio di Renato come un’aggressione. L’aggressione fuori un locale gestito da alcuni attivisti di rifondazione comunista, una serata reggae, la modalità rapida dell’esecuzione. Questa è avvenuta all’interno di un contesto e in un territorio che vede la presenza di organizzazioni neofasciste che producono atteggiamenti di emulazione e pratiche che riteniamo fasciste.

Inoltre denunciamo l’inadempienza dei soccorsi e in particolare dell’ospedale Grassi al quale Renato è stato portato.

L’assemblea romana ritiene per questo necessario attivare tutte le forme possibili per costruire un’altra verità che non sia disturbata da elementi esterni a partire dal coinvolgimento stesso dei carabinieri locali.

Share
Terrorismo: il bue che dice cornuto all'asino

Terrorismo: il bue che dice cornuto all’asino

A soli pochi giorni dai sette arresti del 19 Luglio scorso, un’ulteriore alzata di testa degli stessi pm Torinesi (Padalino e Rinaudo) capitanati dal procuratore capo Caselli e in complicità con la Digos di Torino, ha colpito questa mattina all’alba la valle che resiste.
Decine di perquisizioni nelle case di No tav torinesi e del comitato popolare di Bussoleno oltreche nel locale La Credenza,sempre di Bussoleno, storico ed simbolico luogo della lotta NoTav dove nacque il primo comitato popolare della lotta contro l’alta velocità. Perquisizioni e 12 avvisi di garanzia  mossi, per la prima volta nella storia del ventennale movimento No tav, dall’infame articolo 280 comma 1.
“Attentato con finalità terroristiche ed eversive” è la nuova formula egregiamente costruita ad hoc dalla magistratura torinese in combutta con gli interessi economici dei partiti “democratici” per colpire chi a testa alta porta avanti la difesa del futuro della valle e della sua popolazione, oggi esperienza comune di resistenza contro la devastazione e la speculazione finanziaria sui territori.
Share
26 Luglio | Dalla valle alle metropoli, le lotte non si fermano. No Tav fino alla vittoria.

26 Luglio | Dalla valle alle metropoli, le lotte non si fermano. No Tav fino alla vittoria.

Manifestazione Piazza Trilussa – venerdì 26 luglio – ore 21
L’Italia è una repubblica fondata sulla speculazione. Un territorio in cui i poteri forti fanno il bello e il cattivo tempo, sfruttando ciò che è di tutti per fare l’interesse di pochi. Succede in Val di Susa, dove i lavori per l’esecrata alta velocità stanno calpestando la sovranità popolare seminando infiltrazioni mafiose e distruzione ambientale. E succede in una metropoli come Roma, dove da tempo immemorabile i palazzinari impongono i loro diktat a qualunque amministrazione, imponendo una realtà dove a tante case senza gente corrisponde tanta gente senza casa.
Share
AMIATA contro la GEOTERMIA - un monte d'acqua...

AMIATA contro la GEOTERMIA – un monte d’acqua…

Dal 10 al 14 Luglio, c’è stato un incontro  nazionale sul monte Amiata, un momento in cui confrontarsi tra differenti battaglie per la difesa del territorio e la riappropriazione dei beni comuni, un’ occasione per costruire un processo collettivo di confronto, oltre che un appuntamento per sostenere la lotta territoriale in Amiata contro la geotermia.

Di seguito l’ appello per l’ incontro che è stato fatto una settimana fa ed un report sull’ Incontro nazionale di Comitati e Movimenti sul monte Amiata.

 

Sul Monte Amiata per rimetterci in comune: come costruire la nostra leva?

La crisi è il pane quotidiano delle nostre giornate. Ma siamo di fronte ad una crisi o ad una nuova e più aggressiva fase di accumulazione della ricchezza nelle mani di pochi? Una nuova fase in cui questo Stato ed il blocco economico-politico dominante compiono costanti imposizioni nei confronti degli individui e delle comunità. Questo è  il nuovo assetto che governa le nostre vite basato su un saccheggio sistematico che produce costante erosione della ricchezza sociale e dei diritti conducendo alla precarietà e alla povertà, individuale e sociale. Un modello destinato ad aggredire i territori con sempre maggior violenza e ad utilizzare strumenti come le privatizzazioni e la finanziarizzazione per saccheggiare beni e servizi comuni. In Italia come in Grecia, Turchia, Brasile e via dicendo.

Share
Dopo la passeggiata in Clarea, liber* tutt*

Dopo la passeggiata in Clarea, liber* tutt*

Venerdì notte abbiamo salutato l’alba del 20 Luglio nella passeggiata in Clarea contro la prepotenza e la violenza sistematicamente organizzata dalle truppe di occupazione dello stato italiano nella Val Susa, con un pensiero continuo nella mente che non potrà mai scomparire dalla memoria di chi ha vissuto le giornate di rivolta contro la globalizzazione neoliberista a Genova nel 2001, con la morte di Carlo Giuliani assassinato dal fuoco dei carabinieri, mano armata dell’oligarchia della governance mondiale che in quei giorni riuniva i capi di stato degli 8 “grandi” porci e maiali della terra.

Share