Acrobax Project
13 Ott | Romamuffin 2012

13 Ott | Romamuffin 2012

BARACCA SOUND promote
LAMPA DREAD presenta
LIVING IN THE GHETTO RIDDIM backing band

ROMAMUFFIN 2012

5^ SAGRA DEL RAGGAMUFFIN ROMANO
SABATO 13 OTTOBRE 2012

Come ogni anno è arrivato il momento di raccogliere i frutti del lavoro artistico, passionale e culturale che i cantanti reggae più rappresentativi di ROMA e PROVINCIA hanno svolto in questi dodici mesi.

Come ogni anno ci riuniamo sotto il tetto di un centro sociale, il LOA ACROBAX, a costi e rimborsi popolari per ribadire con forza che il reggae è, ora più che mai, uno strumento sociale aggregativo importante per la vita di uno spazio liberato.

Come ogni anno saremo in tanti e ci alterneremo come una giostra in movimento presentandoci alla nostra gente con nuove liriche e rime dirompenti; con quanta più forza e orgoglio possibile proporremo il nostro linguaggio fatto di musica gesti parodie sogni speranze e realtà consolidate.

Oggi è la nostra festa! la festa del raggamuffin nostrano senza mezzi termini, senza mediazioni, pieno di incertezze per il futuro, ma altrettanto determinato a denunciare ed opporsi all’oppressione sociale e l’appiattimento culturale di cui vive il sistema capitalistico.

Oggi è la festa di chi “rememba your roots” ricorda le proprie radici e non si lascia abbagliare da 4 luci da palcoscenico, la festa del popolo del reggae, l’ ennesima festa di un centro sociale.

NO JUSTICE NO PEACE
the sound of the people

INIZIO CONCERTO TASSATIVO ORE 23.15

SOTTOSCRIZIONE 7 EURO

ADESIVO OMAGGIO AI PRIMI 1000

GOOD MOOD CORNER KOKTAIL BAR-H

LINE UP:

* RAGGARO FOMENTO
* LA KONTRAMINA ft MISS KENDRA e SIMPLY MOMMY
* INNA CANTINA
* LADY FLAVIA ft RASTA LADY
* MANLIO
* RUFINO E BONIFAX
* QUAJAMAN
* RASTA BLANCO
* GINKO
* BARACCA SOUND
* VIRTUS
* RAINA
* CAMMELLO ft TROOTSO
* MA DE KE
* ALLA RIVALSA

L.O.A. ACROBAX – EX CINODROMO – V. VASCA NAVALE 6 – PONTE MARCONI – ROMA – vicino METRO B SAN PAOLO

info: www.baraccasound.com
www.acrobax.org
www.facebook.com/Acrobax?ref=ts&fref=ts

Share
10 Novembre | Visioni dal Mondo - (Attra)verso Gaza

10 Novembre | Visioni dal Mondo – (Attra)verso Gaza

Visioni dal Mondo – (Attra)verso Gaza:  forme di resistenza quotidiana in Palestina e per la Palestina.

Conoscere Gaza e la Palestina tutta significa conoscere una storia di resistenza quotidiana che va oltre i confini delineati dal tentativo di colonizzazione israeliana e che superi la volontà di cancellare la storia e il futuro di milioni di persone. Significa rompere l’assedio permanente di quella che è la più grande prigione a cielo aperto esistente attraverso il superamento delle bariere della comunicazione massmediatica che vorrebbe relegare da sempre la Palestina e la sua popolazione in un atroce oblio. Eppure, dopo più di 60 anni di occupazione militare con milioni di palestinesi resi profughi, uccisi e carcerati, le forme di resistenza quotidiana in Palestina e per la Palestina si moltiplicano e si re-inventano in nuove pratiche di lotta ed esperienze di autorganizzazione.

Intervengono: Giovani Palestinesi in Italia / BDS Roma/Italia – campagna internazionale di Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni / Freepalestine Roma / Progetto Moviengtogaza in partenza per Gaza. Collegamenti con Egitto e Gaza

Share
7 Ott | All Reds Rugby, riprende il campionato!

7 Ott | All Reds Rugby, riprende il campionato!

L’ attesa è finita…si ricomincia!! Domenica 7 ottobre ricomincia il campionato di rugby di serie C e avremo il piacere di ospitare, dopo qualche anno di assenza, gli amici del Fabraternum Ceccano.
Il cinodromo è sempre più bello e anche noi siamo sempre più…mmm…simpatici!!!
Invitiamo tutte e tutti a godersi un pomeriggio di rugby!!
…vabbè..vabbè..ci sarà anche un grandioso terzo tempo e fiumi di birra..anche se lo sappiamo che non siete attaccati a queste cose materiali!

Share
28-29 Settembre | ProvocAzioni Festival

28-29 Settembre | ProvocAzioni Festival

★★ ProvocAzioni Festival 2012 ★★

ProvocAzioni Festival volge alla sua terza edizione. Un festival indipendente di arte e musica elettronica, ideato dalla crew romana Cromedrop (http://www.cromedrop.com/) in collaborazione con AcrobaxExpo ed ospitato e supportato dallo spazio occupato L.O.A. Acrobax (http://www.facebook.com/Acrobax)(http://acrobax.org/).

Venerdì 28 e Sabato 29 settembre gli spazi esterni ed interni dell’ex-cinodromo vivranno di musica elettronica, performance live, arti interattive e ins

tallazioni provocatorie.

Tre stage, uno interno e due open-air, che ospiteranno artisti e musicisti italiani e internazionali. Il tema trainante di questa edizione è l’Effetto Domino

“Una forma di contagio meccanico tutto da interpretare.
Materiale come una concatenazione di eventi o intangibile come un flusso di coscienza.
Può proseguire la sua azione o interrompersi all’istante.
Effettodomino è ovunque voi guardiate, comunque voi pensiate…”

▁ ▂ ▃ ▄ ▅ VENERDI’ 28 (Dalle 22 alle 6) ▅ ▄ ▃ ▂ ▁

◀▐▐ MAIN STAGE▐▐►

★ ATARI TEENAGE RIOT – Dim Mak (DE) ★
http://www.atari-teenage-riot.com/

★ FIRE AT WORK – Stirpe999, Idroscalo Digitale, Nucleoroto (IT) ★
http://www.myspace.com/fireatwork

▶ LAOWAI – Cromedrop
http://www.cromedrop.com/music/laowai

▶ SED – Cromedrop
http://soundcloud.com/sed-3

warm-up
▶ NEMOMEN – MinimalEmph
http://soundcloud.com/psynemo

◀▐▐ SECOND STAGE▐▐►

▷ TRUCKSTOP 76TH show-case ◁
http://www.truckstop76th.com/

with

▶ ICE ONE AKA DJ SENSEI – Truckstop76th
http://soundcloud.com/iceone

▶ LEO ANIBALDI – Rephlex / Cannibald Rec.
http://www.cannibald.com/

▶ Mr.3p – Truckstop76th
http://www.truckstop76th.com/

▶ Miss Loony – MissAnthroPeak pj
https://www.facebook.com/pages/Miss-Loony/313150822063198

▶ Valerio Maina – Truckstop76th
http://soundcloud.com/valeriomaina

◀▐▐ THIRD STAGE▐▐►

▶ LOWKILLA – AC IN RECORD, Stirpe999, Hex, Nucleoroto, Bias
http://www.myspace.com/lowkilla

▶ MEGATTERA + Koreman visual
www.myspace.com/megattera

▶ MODAL DRONE

▁ ▂ ▃ ▄ ▅ SABATO 29 (DALLE 22 ALLE 8) ▅ ▄ ▃ ▂ ▁

◀▐▐ MAIN STAGE▐▐►

★ DAVID CARRETTA – Gigolo Rec. / Space Factory (FR) ★
http://davidcarrettamusic.blogspot.it/

★ FRANZ & SHAPE – Relish Recordings / Bang Gang 12’s / Truckstop 76th (IT) ★
http://soundcloud.com/franzandshape
http://www.discogs.com/artist/Franz+%26+Shape

▶ QUETZAL – Cromedrop
http://soundcloud.com/lucaquetzal

▶ MASTERINFREEMUZIK – Cromedrop
http://soundcloud.com/masterinfreemuzik

▶ MUTTLEY – Cromedrop
http://www.cromedrop.com/music/muttley

▶ TOMZ.DB vs TIBURON vs CAPITANO – Cromedrop & ATF – performance with guitar
http://soundcloud.com/tomz
http://soundcloud.com/tibz
http://www.myspace.com/terrorfield

warm-up
▶ PNEICH (CLAYPOOL’s)
http://soundcloud.com/pneich

◀▐▐ SECOND STAGE▐▐►

▷ CHIMERA TRIBE & ALPHAVIRUS CREW ◁
http://www.facebook.com/groups/366673855070/
http://www.myspace.com/alphaviruscrew

Live:

▶ SISMIC – CropCircle Rec
http://www.myspace.com/sismicstuff

DJs:

▶ NEMO – MMH Records, Chimera Tribe
http://www.myspace.com/capitano_nemo

▶ NABLA – ChimeraTribe

▶ MATONGA – ChimeraTribe

▶ SHADE vs NYX – Alphavirus Crew

Visual:

▶ ALPHAVIRUS

◀▐▐ THIRD STAGE▐▐►

▷ STIRPE999 show-case ◁
http://soundcloud.com/stirpe999antilabel

with

▶ REEKS (Fire At Work) – Stirpe999 / Idroscalo
http://www.myspace.com/reeksroma

▶ INICOLABUG – Stirpe999
http://soundcloud.com/inicolabug

▶ MEZE – Stirpe999

▶ OREE – Stirpe999

▼▲ VISUAL ▲▼

▻ NEOCORTEX (Videomapping)
http://www.neocortexproject.com/

▻ VJIT³
http://www.facebook.com/Vjit03

▻ VISUAL DROME

▻ GIULZ – Cromedrop
http://www.cromedrop.com/art/giulz/

▻ SKENE’ – Cromedrop
http://www.cromedrop.com/art/skene/

▼▲ ARTISTI E PERFORMER▲▼

▻ LOWKILLA & MONNALISA (Performance Live)
concept “Doll’s House project”
http://www.myspace.com/lowkilla
http://monnalisaoverdrive.wordpress.com/

▻ TRAUMASTUDIO (Installazione)
http://traumastudio.noblogs.org/

▻ NUCLEOARTIVISIVE Cromedrop (Installazione & Flash Mob)
http://www.cromedrop.com/art/

▻ SINAPSINART (Installazione)
https://www.facebook.com/procrastination.vesperale.en.contrastart

▻ BUTTERFLIED ~ BELLYDANCE METAMORPHOSIS (Performance Live)
di Natalia Bonanese e Silvia Grassi

▻ D 198 & DOLCEQ (Installazione)

▻ FABIO CICCALE’ (Performance Live)
http://www.fabiociccale.org/

▻ MURPHY (Installazione and street art)
http://www.flickr.com/photos/murphymrf

▻ URKA (Installazione)
http://www.flickr.com/photos/urkaurkapirulero

▻ CANCELLETTO
https://www.facebook.com/Cancellettostreetart

▻ DAIMONSOPHIA (Performance Live)

▻ CARLO GIANFERRO (Fotografia)

▻ DALILA VJIT (Installazione)
http://www.facebook.com/Vjit03

▻ LUCIA NICOLAI (Sculture)

▻ TANDAVA (Performance Live)

e tanti altri in attesa di conferma…

*Trattoria in Funzione*

*Stands*

Costo: 6 Euro

ProvocAzioni Festival 2012 – Venerdì 28 e Sabato 29 Settembre ad Acrobax (Ex- Cinodromo) – Via della Vasca Navale 6, Roma.

Share
21 settembre ore 19:00 ALL REDS BASKET 3vs3 TOURNAMENT

21 settembre ore 19:00 ALL REDS BASKET 3vs3 TOURNAMENT

TORNEO 3 VS 3
inizio ore 19.00 @Campetto di Acrobax
l’iscrizione delle squadre sarà possibile dalle ore 18.00

Durante il Torneo:

– DJ Set Rap/Hip Hop
– Aperitivo/Cena

A seguire dancehall by Radio Torre Sound System
http://acrobax.org/2012/09/21-settembre-radio-torre-sound-system-friends/

SOSTIENI LO SPORT POPOLARE E AUTOGESTITO!

All Reds Baket è un progetto che da 2 anni propone la sua idea di sport popolare ed autogestito.
Facciamo parte di uno dei progetti sportivi dell’Acrobax ex Cinodromo della Capitale e della polisportiva All Reds che da ormai 8 anni porta avanti le idee dello sport popolare con la squadra All Reds Rugby.

Il nostro progetto si basa su una visione dello sport accessibile a tutti/e, usato come strumento per portare avanti valori per noi fondamentali quali antifascismo, antisessismo e antirazzismo, nonché come mezzo per socializzare e per condividere una passione.

Questa nostra concezione è purtroppo spesso risultata in contrasto con la politica attuata da molte società sportive che, anche nel nostro territorio, si pongono come obiettivo primario il profitto che spesso porta ad una competitività malata.

La possibilità di far parte di una squadra di basket autogestita, in cui oltre allo sport si riesce ad avere momenti di collettività e di discussione su temi sociali e politici, sta spingendo sempre più persone ad unirsi al gruppo, con un interesse sorprendente anche ai nostri occhi.

Per partecipare anche tu, essere iscritti alla mailing list o per qualsiasi altra informazione scrivi qui o all’indirizzo allredsbasket@gmail.com

 

Share
21 Settembre |  Radio Torre Sound System & friends

21 Settembre | Radio Torre Sound System & friends

… per una riapertura della stagione danzereccia degna di questo nome!!! … sound system culture dallo ska al reggae, al dub, dal roots al dancehall style … sempre a casaccio style!! ;))

RESISTENZA SONORA

… perché ogni parola detta e ogni nota suonata
siano come un grido di rivolta

dalle 22 – sound system culture inna conflitto style

RADIO TORRE SOUND SYSTEM & friends in session

 

LOA ACROBAX, via della vasca navale 6

Share
s/Montiamo l’Università!

s/Montiamo l’Università!

Chi semina precarietà raccoglie rabbia e tempesta.

Noi vogliamo vivere

Veniamo a conoscenza in questi giorni che Mario Monti, Ignazio Visco (governatore della Banca d’Italia) insieme ad altri nomi, di secondo piano ma ugualmente allineati, arriveranno a Roma Tre, nella facoltà di scienze politiche, per partecipare al convegno di 5 giorni della Società italiana di scienze politiche.
Ma sono i contenuti che assomigliano a una sberleffo se non ad una provocazione.
Leggiamo infatti che Monti parteciperà come relatore sul tema: “ripensare la politica per governare l’economia” e nello stessa giornata insieme a Visco si discuterà di “crisi della politica: partiti, rappresentanza e democrazia”.
Proprio loro, che rappresentano la sospensione definitva della democrazia in Italia, a favore degli interessi unici dei mercati finanziari e delle lobby di potere che rappresentano.

Nell’attuale fase di commissariamento del nostro governo e nella crisi della rappresentanza politica il problema non è ristabilire il primato della politica (partiti)  sull’economia (mercati). Il problema è la messa in discussione radicale delle scelte di economia politica che vengono attuate in diversi paesi europei (Grecia, Spagna, Italia), dove al ripetersi di manovre finanziarie di austeruty, si realizzano misure di  precarizzazione ulteriore del  mercato del lavoro, si attuano licenziamenti di massa, si privatizzano i servizi pubblici, si taglia la spesa sociale e gli investimenti in istruzione,  universita e ricerca. Altro che governi di professori o  governi tecnici si tratta di tecniche di governo autoritarie che attentano quotidianamente alla vita di milioni di soggetti precarizzati e impoveriti dalle politiche di austerity.

Inutile dire quanto queste iniziative siano un continuo sprecare e riciclare soldi dove (come sempre) non ci sarà la partecipazione di alcuni se non dei diretti interessati, professori e professorini, baroni o baroncini, sempre pronti alla difesa corporativa dei propri interessi.
Ricordiamo, con l’occasione, a lor signori (e signore) quanto quella fabbrica postfordista del sapere di nome “Roma Tre” impone ai suoi studenti forgiandoli nella e per la precarietà; quanto sia simbolo di quella concezione privatistica del sapere, assumendo a pieno tutte le misure e le caratteristiche delle riforme degli ultimi vent’anni; sintetizza a pieno quell’università/azienda che, come una grande company della conoscenza, si misura anche con le speculazioni immobiliari, contribuendo alla distruzione del territorio, alla chiusura degli spazi e delle case occupate.
per chi è questa università?
per chi è possibile questo accesso al sapere?
per chi fanno questi convegni?

Da una lato abbiamo un modello di università e di gestione dei saperi sempre più preoccupante, dove la spending review sancisce una differenziazione di classe vera e propria su principi di merito, in una condizione sociale dove di tutto si può parlare, tranne che di pari opportunità.
Dove si dichiara guerra alla figura sempre più diffusa dello studente/lavoratore che, spesso fuori corso, pagherà dentro l’università i costi sociali della crisi e dei tagli annunciati.
Un’università in linea con la società, dove manca qualsiasi sistema di welfare che non sia la famiglia.
Del resto in Italia siamo rimasti i soli all’interno della comunità europea insieme alla Grecia a non avere nemmeno uno straccio di sostegno al reddito.
Il Presidente del consiglio e il suo governo, che si presenta come tecnico, non è che l’espressione politica raffinata del neoliberismo, che cerca di tener vivo il mostro capitalista quando, ormai, è evidente che la crisi economica sistemica, verticale ed epocale che stiamo attraversando è stata prodotta da quello stesso modello.

Siamo studenti precari, che devono accettare lo sfruttamento quotidiano per arrancare, provare ad andare avanti, anche solo per pagarsi gli studi. Siamo gli occupanti di casa, siamo disoccupati, precari e precarizzati, abitanti di questo territorio e non permetteremo che tutto ciò avvenga nel silenzio, che un affronto del genere passi inosservato
Siamo a volte indecifrabili agli occhi di governanti, sociologi e opinionisti. Ma sia chiaro che la fase dell’autocommiserazione è terminata, siamo sicuramente stanche e stanchi della precarietà, ma arrabbiati  e ovunque sfruttati, rivendichiamo di essere soprattutto vivi.

Lanciamo questo appello a tutte e a tutti perchè crediamo che questo convegno non sia un affronto solo a chi vive i nostri  territori (nello specifico San Paolo, quartiere resistente da sempre) ma tutta la metropoli di roma.
Non sappiamo questo autunno cosa accadrà e quali spazi di libertà riusciremo a strappare, ma sappiamo che sarà un anno difficile a Roma,come nel resto di Italia.
Come molti movimenti in giro per il mondo, che hanno già cominciato ad affermare le istanze del comune e del desiderio collettivo, vogliamo riprenderci le strade dell’alterità per costruire, qui ed ora, in questo mondo, l’alternativa come concreta e necessaria utopia, a partire da noi e dai nostri diritti, bi/sogni, desideri.

Il passato conoscilo, il presente vivilo, il futuro senza la lotta dimenticalo!

Giovedì 7    ore 19  assemblea cittadina! Facoltà di Sociologia della Sapienza
Martedì 11  ore 18  assemblea degli studenti, delle realtà cittadine e del territorio! Sc.politiche RM3
Giovedì 13  ore 9    s-Montiamo l’Università

s/Montiamo l’Università!

Share
31 Agosto | Proiezione "DIAZ" [Renoize 2012]

31 Agosto | Proiezione “DIAZ” [Renoize 2012]

E’ ormai da alcuni mesi che realtà sociali ed antagoniste propongono un dibattito dopo la proiezione del film “Diaz, don’t clean up this blood” di Daniele Vicari. E il perché risiede, probabilmente, non in una corsa sfrenata a ripetere meccanicamente iniziative su tutto il territorio nazionale ma, piuttosto, nella necessità di trovare dei momenti di approfondimento e discussione di una delle pagine più forti della storia italiana.

Perchè chi vuole vedere quel film sa di essere di fronte ad un episodio che è entrato ormai a far parte degli eventi che hanno segnato questo paese. Lo sono quei giorni, le ore, i giorni e le settimane che lo hanno preceduto.

Le aspettative e le energie di chi lo ha preparato e vissuto. Di chi lo ha subito, sulla propria coscienza e sulla propria pelle. Chi lo ha respirato nella sua portata di trasformazione e di disvelamento di una nuova fase del nostro paese e dei poteri che lo governano.

Perchè, come ogni evento di portata storica, tralasciando l’epica che questa affermazione porta con se, ha un coinvolgimento e un’influenza non solo per chi vi ha partecipato, dalla parte dei sommersi o dalla parte dei salvati, ma anche per chi si trova per sua superficilità, o per scelta o per età lontano da quegli eventi.

Perchè Genova è stato il racconto di un’ondata che ha portato prima, durante e dopo migliaia, centinaia di migliaia di persone in piazza. Genova non è stata, (perchè non lo è mai nella storia), un evento singolo, ma la parte più evidente di un iceberg.

E quello stesso movimento, non nelle sue strutture organizzate, nelle sue critiche e limiti, non nella sua sconfitta, ha sedimentato ed agitato potenza a livello globale.

Con le parole e i contenuti, con l’immaginario e le storie, con quello che è ne stata la sua ricchezza.

E’ stato il propellente per un’ondata di nuove lotte sociali che il potere ha temuto e represso.

Per molti e molte di noi, Genova 2001 ha avuto un ruolo centrale nella crescita politica e di vita. Genova 2001 per molte e molti di noi ha rappresentato quel punto d’inflessione da cui non si torna indietro.

Molte e molti di noi erano a Via Tolemaide, a piazza Alimonda, e nei viali alberati davanti al porto. Eravamo presenti e volutamente coscienti di voler vivere quelle giornate, perché sapevamo che quelle giornate ci avrebbero fatto sentire vive e vivi. Perché in quelle giornate la ragione era dalla nostra parte. Perché in fondo e in maniera molto chiara, quelle giornate di contestazione andavano contro un modello di crescita neoliberista che 10 anni fa colpiva altre parti di mondo e che ora travolge in pieno la nostra piccola eurolandia.

E lo ha avuto per chi è stato a casa a vedere quelle immagini o semplicemente ha deciso da quel momento di mettersi in movimento.

Lo e’ stato per quelle decine di gruppi che sono sorti in tutta Italia all’indomani di quel Luglio.

E lo è stato per chi, in quelle giornate, aveva solo 10 anni.

E dire che la giustizia non fa parte di questo mondo ci sembra un’iniqua e sterile ovvietà. Ha invece più senso ribadire che, come sempre, lo stato assolve se stesso mentre per l’ennesima volta traduce un movimento politico di contestazione in un lento e sanguinoso processo a carico di pochi.

Il significato tutto politico della sentenza emessa dalla cassazione a luglio 2012 resta e rimane inequivocabile, una sentenza che è oggetto di una produzione discorsiva in strettissima relazione con i dispositivi del potere in atto. Una sentenza che decanta, afferma e sedimenta nuove pratiche del potere dichiarando che la vetrina di una banca vale di più di un corpo torturato, di una milza asportata o d’irreversibili lesioni all’apparato respiratorio. Questa è per noi l’unica verità politica che nessun tribunale di questa fantomatica democrazia potrà mai deliberare.

E meno male che in queste ultimi mesi una fortissima campagna sociale è riuscita in poche settimane a raccogliere l’indignazione di più di 10.000 persone. Una campagna che crede nella memoria come ingranaggio collettivo perché solo partendo dalla memoria collettiva è possibile tracciare quelle strategie e tattiche sociali per far si che le parole “devastazione” e “saccheggio” non diventino la ricetta pronta per aggredire chi, come unidici anni fa, continua ad avere una ferma determinazione nel voler contrastare un modello di governance che fa dello spread e della spending review il suo cavallo di battaglia.

Non sarà certo la priezione di un film a costruire una nuova ondata, né a far chiarezza e costruire nuovi spazi di confronto ed attivazione. Ma può essere un buono strumento per ricordare, non solo i fatti, ma le motivazioni.

Può essere la tappa di un percorso di lotta che si intreccia con molti altri.

E che afferma con sicurezza Libere tutti!

Invitiamo tutte e tutti alla proiezione del film DIAZ con la partecipazione di Elio Germano; Paolo Calabresi, Paolo Giovannucci , perchè si possa chiaccherare con gli attori, perchè ci si possa confrontare e perchè si possa essere olio per quell’ingranaggio collettivo.

 

Dalle ore 19

apericena per la campagna 10X100

 

Alle ore 21

proiezione film

Share
31 Agosto 1 Settembre | RENOIZE 2012

31 Agosto 1 Settembre | RENOIZE 2012

31 Agosto_1°Settembre 2012
Renoize 2012

27 Agosto 2006 – 27 agosto 2012.
Il 27 agosto 2006 Renato veniva accoltellato ed assassinato in un’aggressione di natura fascista.

Ma la storia di Renato non è solo la sua storia.
Non è solo un ricordo dell’intimità dei suoi parenti o amici, non è il privato dolore o la solitudine che può rendere impotenti.

Share
12 Luglio ore 11 | Mobilitazione sotto la regione lazio

12 Luglio ore 11 | Mobilitazione sotto la regione lazio

La torrida estate della regione Lazio

Giovedì 12 Luglio presidio-assemblea dalle ore 11.Il consiglio regionale ha approvato il 28 giugno l’assestamento di bilancio confermando una manovra recessiva e non adeguata al contesto di sofferenza che stanno attraversando migliaia di soggetti: dall’emergenza abitativa e ambientale, alla precarietà, alla generale crisi occupazionale e allo specifico ed elevatissimo tasso di disoccupazione giovanile.
Share