s/Montiamo l’Università!

Chi semina precarietà raccoglie rabbia e tempesta.

Noi vogliamo vivere

Veniamo a conoscenza in questi giorni che Mario Monti, Ignazio Visco (governatore della Banca d’Italia) insieme ad altri nomi, di secondo piano ma ugualmente allineati, arriveranno a Roma Tre, nella facoltà di scienze politiche, per partecipare al convegno di 5 giorni della Società italiana di scienze politiche.
Ma sono i contenuti che assomigliano a una sberleffo se non ad una provocazione.
Leggiamo infatti che Monti parteciperà come relatore sul tema: “ripensare la politica per governare l’economia” e nello stessa giornata insieme a Visco si discuterà di “crisi della politica: partiti, rappresentanza e democrazia”.
Proprio loro, che rappresentano la sospensione definitva della democrazia in Italia, a favore degli interessi unici dei mercati finanziari e delle lobby di potere che rappresentano.

Nell’attuale fase di commissariamento del nostro governo e nella crisi della rappresentanza politica il problema non è ristabilire il primato della politica (partiti)  sull’economia (mercati). Il problema è la messa in discussione radicale delle scelte di economia politica che vengono attuate in diversi paesi europei (Grecia, Spagna, Italia), dove al ripetersi di manovre finanziarie di austeruty, si realizzano misure di  precarizzazione ulteriore del  mercato del lavoro, si attuano licenziamenti di massa, si privatizzano i servizi pubblici, si taglia la spesa sociale e gli investimenti in istruzione,  universita e ricerca. Altro che governi di professori o  governi tecnici si tratta di tecniche di governo autoritarie che attentano quotidianamente alla vita di milioni di soggetti precarizzati e impoveriti dalle politiche di austerity.

Inutile dire quanto queste iniziative siano un continuo sprecare e riciclare soldi dove (come sempre) non ci sarà la partecipazione di alcuni se non dei diretti interessati, professori e professorini, baroni o baroncini, sempre pronti alla difesa corporativa dei propri interessi.
Ricordiamo, con l’occasione, a lor signori (e signore) quanto quella fabbrica postfordista del sapere di nome “Roma Tre” impone ai suoi studenti forgiandoli nella e per la precarietà; quanto sia simbolo di quella concezione privatistica del sapere, assumendo a pieno tutte le misure e le caratteristiche delle riforme degli ultimi vent’anni; sintetizza a pieno quell’università/azienda che, come una grande company della conoscenza, si misura anche con le speculazioni immobiliari, contribuendo alla distruzione del territorio, alla chiusura degli spazi e delle case occupate.
per chi è questa università?
per chi è possibile questo accesso al sapere?
per chi fanno questi convegni?

Da una lato abbiamo un modello di università e di gestione dei saperi sempre più preoccupante, dove la spending review sancisce una differenziazione di classe vera e propria su principi di merito, in una condizione sociale dove di tutto si può parlare, tranne che di pari opportunità.
Dove si dichiara guerra alla figura sempre più diffusa dello studente/lavoratore che, spesso fuori corso, pagherà dentro l’università i costi sociali della crisi e dei tagli annunciati.
Un’università in linea con la società, dove manca qualsiasi sistema di welfare che non sia la famiglia.
Del resto in Italia siamo rimasti i soli all’interno della comunità europea insieme alla Grecia a non avere nemmeno uno straccio di sostegno al reddito.
Il Presidente del consiglio e il suo governo, che si presenta come tecnico, non è che l’espressione politica raffinata del neoliberismo, che cerca di tener vivo il mostro capitalista quando, ormai, è evidente che la crisi economica sistemica, verticale ed epocale che stiamo attraversando è stata prodotta da quello stesso modello.

Siamo studenti precari, che devono accettare lo sfruttamento quotidiano per arrancare, provare ad andare avanti, anche solo per pagarsi gli studi. Siamo gli occupanti di casa, siamo disoccupati, precari e precarizzati, abitanti di questo territorio e non permetteremo che tutto ciò avvenga nel silenzio, che un affronto del genere passi inosservato
Siamo a volte indecifrabili agli occhi di governanti, sociologi e opinionisti. Ma sia chiaro che la fase dell’autocommiserazione è terminata, siamo sicuramente stanche e stanchi della precarietà, ma arrabbiati  e ovunque sfruttati, rivendichiamo di essere soprattutto vivi.

Lanciamo questo appello a tutte e a tutti perchè crediamo che questo convegno non sia un affronto solo a chi vive i nostri  territori (nello specifico San Paolo, quartiere resistente da sempre) ma tutta la metropoli di roma.
Non sappiamo questo autunno cosa accadrà e quali spazi di libertà riusciremo a strappare, ma sappiamo che sarà un anno difficile a Roma,come nel resto di Italia.
Come molti movimenti in giro per il mondo, che hanno già cominciato ad affermare le istanze del comune e del desiderio collettivo, vogliamo riprenderci le strade dell’alterità per costruire, qui ed ora, in questo mondo, l’alternativa come concreta e necessaria utopia, a partire da noi e dai nostri diritti, bi/sogni, desideri.

Il passato conoscilo, il presente vivilo, il futuro senza la lotta dimenticalo!

Giovedì 7    ore 19  assemblea cittadina! Facoltà di Sociologia della Sapienza
Martedì 11  ore 18  assemblea degli studenti, delle realtà cittadine e del territorio! Sc.politiche RM3
Giovedì 13  ore 9    s-Montiamo l’Università

s/Montiamo l’Università!

Share

I commenti sono chiusi.