La libertà non si paga, si strappa giorno dopo giorno!

Lunedì 4 novembre si è svolta la quinta udienza del processo in primo grado per i fatti del 15 ottobre 2011.

In un aula sempre troppo piccola per contenere i numerosi avvocati delle parti civili e soprattutto dei 18 imputati più tutti  i compagni e le compagne e le sempre troppo numerose forze dell’ordine presenti all’udienza si è svolta una lunga udienza durante la quale sono stati sentiti 5 testi  del Pubblico Ministero Minisci.

In particolare in questa udienza è stato sentito il Dottor Guiso che all’epoca dei fatti era in forze presso il commissariato Trevi Campo Marzio sulla gestione di Piazza san Giovanni. Poi sono stati sentiti 2 dipendenti dell’Elite sito in via Cavour, uno degli ispettori che si è occupato delle intercettazioni relative all’imputato Vecchiolla e il maresciallo Petrone che in questa udienza è stato ascoltato solo rispetto alla posizione di Mauro Gentile mentre la prossima volta verrà ascoltato relativamente a quella di Spinelli.

E’ stata una udienza molto complessa durante la quale sono state poste dai legali della difesa numerosi eccezioni, valutate e respinte praticamente tutte (tranne una) dai giudici della nona collegiale, segno di quanto sia duro questo processo e di come gli avvocati siano costretti a lottare faticosamente  in aula perché venga fuori la verità su quella giornata.

Al termine dell’udienza sono stati programmati i testi per le prossime udienze ovvero quelle dell’11 e del 14 novembre nelle quali verranno ascoltati:nella prima Messina, Di Rocco, Catarci, Marinacci e di nuovo Petrone; nella seconda Di Prete, Rago, Aiello Cassano e Palozzi.

L’invito quindi è quello alla presenza in aula anche alle prossime udienze dell’ 11 e del 14 novembre e di continuare a seguire lo svolgimento di tutto il processo le cui udienze sono state già fissate sino ad aprile 2014.

Infine serve l’impegno di tutti e tutte per sostenere le spese legali organizzando iniziative e inviando benefit tramite:

Bonifico bancario intestato a: Cooperativa Culturale Laboratorio 2001
Codice IBAN: IT15 D076 0103 2000 0006 1804 001
Causale: 15 Ottobre

Libere tutti

 



 

Share

I commenti sono chiusi.