Giovedi 11 Giugno | #IoNonLavoroGratis – Presentazione del libro: “Economia Politica della Promessa”

a cura del Laboratorio per lo sciopero sociale di Roma

#IoNonLavoroGratis

Il laboratorio dello sciopero sociale di Roma presenta giovedì 11 giugno dalle 19.00 presso Acrobax un incontro-dibattito a partire dal libro “Economia politica della promessa” edito da ManifestoLibri. Il lavoro gratuito, o semigratuito, è il nuovo paradigma di sfruttamento nel mercato del lavoro contemporaneo. Una vera e propria economia politica della promessa invade le vite di milioni di soggetti in diversi ambiti dal mondo dell’arte e dei lavori creativi alla comunicazione, dal giornalismo all’editoria, dall’università alle professioni ordinistiche. Il lavoro sottopagato e volontario riguarda più di una generazione: la promessa è il salario del lavoro gratuito.

11250988_10153429455079887_7467435131232066704_n I 18.500 volontari dell’Expo 2015 di Milano sono il simbolo evidente di questo processo, benedetto dall’accordo del 23 luglio 2013 sottoscritto dai sindacati confederali (Cgil, Cisl e Uil). Al tempo della disoccupazione di massa e della precarietà diffusa, quali sono le pratiche di resistenza in grado di contrastare questo ricatto permanente? Senza una pluralità di laboratori territoriali, di leghe, di coalizioni sociali, sarà impossibile ricomporre e generalizzare i conflitti dentro ed oltre il lavoro gratuito, precario e sottopagato. A partire dallo sciopero sociale del 14 novembre e dalle sperimentazioni di sindacalismo sociale in atto negli ultimi mesi è necessario “incrociare le lotte per incrociare le braccia di fronte ad una promessa che sappiamo non sarà mai mantenuta”.

Intervengono:

Marco Bascetta, Roberto Ciccarelli, Giso Amendola, Garantiamoci un Futuro, Cattive Maestre, Intermittenti della ricerca (Roma), Coalizione 27F.

“Il mutualismo come pratica quotidiana”: dalle 18.00 pm aperitivo in supporto di Afrodite K, sosteniamo Daniela Fregosi nella battaglia per i diritti e l’assistenza dei lavoratori autonomi che si ammalano.

Share

I commenti sono chiusi.