Io Non Dimentico | 2006-2016 Renato Biagetti Contro Ogni Fascismo Acrobax Project

6 Aprile | Lo Tsunami Tour dei Movimenti

Categoria Beni Comuni & Territori, Contributi | Commenti disabilitati su 6 Aprile | Lo Tsunami Tour dei Movimenti

Comunicato dei movimenti di lotta per la casa

6 APRILE 2013 ORE 13 la sveglia è di nuovo suonata. Se stai vivendo con la paura che l’ufficiale giudiziario bussi allaporta di casa per eseguire lo sfratto o il pignoramento. Se negli ultimi anni o mesi hanno visto l’affitto della tua abitazione aumentare a dismisura fino a raddoppiare o persino a triplicare. Se non ce la fai più a pagare mutui e affitti improponibili. Se sei disoccupato o disoccupata, precario o precaria. Se arrivare alla fine del mese comunque è diventata una missione sempre più impossibile. Se stai pagando il prezzo di una crisi che certamente non hai contribuito a generare e la tua vita sta diventando un incubo, non ci dormire sopra, vieni con noi, riprenditi ciò che ti spetta,OCCUPA LA CITTA’ !

Pochi minuti fa nella città sono stati occupati altri 13 stabili vuoti ed abbandonati. Le luci di altri 13 palazzi – ex uffici e case invendute – sono state accese per spegnere la rendita ed il profitto di pochi a danno di tutti. Per lasciare al buio chi da anni ha accumulato smisurate fortune rubandoci territorio e vita. Altri 13 spazi sono stati sottratti ai signori del mattone e dellaspeculazione proprio nel momento in cui si vorrebbe riversare su Romauna nuova valanga di cemento privato approvando – in zona cesarini– una nuova sfilza di delibere cosiddette “urbanistiche” che in realtà rappresentano l’ennesimo “Sacco di Roma”.

Share
16 MARZO 2013 | Corteo Nazionale antifascista e anticapitalista nel decennale dell'assassinio di Dax

16 MARZO 2013 | Corteo Nazionale antifascista e anticapitalista nel decennale dell’assassinio di Dax

Categoria Antifascismo, Contributi | Commenti disabilitati su 16 MARZO 2013 | Corteo Nazionale antifascista e anticapitalista nel decennale dell’assassinio di Dax

16 marzo 2003: la notte nera di Milano. I fascisti accoltellano a morte Davide Cesare, detto Dax. Subito dopo la polizia ed i carabinieri picchiano a sangue gli amici ed i compagni accorsi all’ospedale San Paolo per avere sue notizie. Squadrismo fascista e brutalità poliziesca.

Share
Nella notte due ragazzi

Nella notte due ragazzi

Categoria Contributi, Libertà di movimento | Commenti disabilitati su Nella notte due ragazzi

Martedì 26 febbraio – Notte – Ponte Marconi – Acrobax

Nella notte due ragazzi escono dall’ex cinodromo con il motorino e si imbattono in una pattuglia della polizia. Mentre sono fermi al semaforo rosso la volante sbatte il suo muso sul bauletto posteriore, da lì la situazione degenera in un attimo: i due provano a girarsi e vengono ripetutamente colpiti dal muso della pattuglia fino a cadere in terra.

Share
Riflessioni per la rottura politica, un contributo alla discussione

Riflessioni per la rottura politica, un contributo alla discussione

Categoria Contributi | Commenti disabilitati su Riflessioni per la rottura politica, un contributo alla discussione

La governance capitalista è allo sbando, non ha un piano strategico, si muove sulla tattica e sulla rapina sistematica, usa strumentalmente la crisi, la costituisce come fondamento e la risignifica come dottrina.

Il gioco di specchi è tra l’uso politico della crisi attraverso il ruolo vincolante della troika e il comando politico e militare sull’austerity, con le polizie usate sovente come truppe di occupazione dei territori.

Share
Albano: presidio fisso di fronte alla discarica. Verso il corteo del 6 Aprile

Albano: presidio fisso di fronte alla discarica. Verso il corteo del 6 Aprile

Categoria Beni Comuni & Territori, Contributi | Commenti disabilitati su Albano: presidio fisso di fronte alla discarica. Verso il corteo del 6 Aprile

Costruzione del presidio fisso di fronte alla discarica (da www.noinceneritorealbano.it)

Ringraziamo tutti e tutte coloro hanno partecipato all’assemblea pubblica di fronte alla discarica per combattere contro il mostruoso progetto dell’inceneritore di Albano il cui cantiere rischia di partire un giorno qualunque a partire dal prossimo 7 Marzo (il tutto ovviamente racimolando contributi pubblici in maniera illecita, ma ehi, chi si stupisce più di nulla?).

La lotta si farà ora più impegnativa, a partire da oggi, infatti ci stabiliremo con un presidio permanente di fronte alla discarica fino a che non avremo la certezza di esser riusciti a bloccare l’apertura del cantiere. Dal presidio si ha un’ottima visuale della discarica e potremo, quindi, vigilare costantemente sul traffico di camion che sversano monnezza romana negli invasi di Roncigliano e sull’eventuale arrivo di mezzi pesanti per l’apertura del cantiere.

Invitiamo tutta la popolazione che voglia impedire la devastazione del territorio di Albano a passare a trovarci nel nostro tendone sulla via Ardeatina km 24.500 per sostenere la lotta contro l’inceneritore ed aiutarci a difendere il territorio dei Castelli Romani.

SABATO 6 APRILE CORTEO AD ALBANO CONTRO   L’APERTURA DEL CANTIERE

Share
Conflitto sociale e Libertà di movimento. I bi/sogni non si arrestano. Verso Teramo

Conflitto sociale e Libertà di movimento. I bi/sogni non si arrestano. Verso Teramo

Categoria Contributi, Libertà di movimento | Commenti disabilitati su Conflitto sociale e Libertà di movimento. I bi/sogni non si arrestano. Verso Teramo

Il 15 Ottobre del 2011 le moltitudini indignate e in lotta contro il neoliberismo si mobilitarono globalmente. In Italia nella preparazione di quella giornata, durante il suo svolgimento e dopo sono avvenute cose degne di un bilancio politico e più approfondito da parte dei movimenti: partiamo anzitutto da noi, ma dovrebbe essere un’incombenza sentita anche e soprattutto da coloro che quel giorno e nei seguenti gridarono al lupo e cercarono il nemico interno – abitudine brutta e antica, ahinoi, di chi a sinistra ricorrentemente giustifica i propri tatticismi mascherandoli per grandi strategie e poi cerca di scansare l’implacabile giudizio dei fatti.

Share
Bartleby è ovunque, siamo tutt* Bartleby

Bartleby è ovunque, siamo tutt* Bartleby

Categoria Beni Comuni & Territori, Contributi, Libertà di movimento | Commenti disabilitati su Bartleby è ovunque, siamo tutt* Bartleby

L’hanno murata, la casa di Bartleby a Bologna, stamattina. E’ così che si tratta la produzione di ricchezza comune, di idee e cultura e libera socialità, sotto i governi democratici dell’austerità.

Volevano espellerla dalla città, quella casa, dalla pericolosa promiscuità con i flussi del sapere in conflitto nell’Università da cui Bartleby era spuntato, nato dall’Onda, dicendo ancora una volta quasi quattro anni fa “avrei preferenza di No”.

Share
La sanità pubblica non si vende. Si difende!

La sanità pubblica non si vende. Si difende!

Categoria Beni Comuni & Territori, Contributi | Commenti disabilitati su La sanità pubblica non si vende. Si difende!

Se la salute e la sanità diventano terreno di speculazione e pareggio di bilancio, se le cure non sono organizzate in presidi territoriali ma gestite da aziende e se i cittadini divengono capri espiatori a cui addossare responsabilità e debiti, vuol dire che un cambiamento, profondo e radicale, si sta compiendo.

Share
Ciao antò, oggi brindiamo alla vita!

Ciao antò, oggi brindiamo alla vita!

Categoria Contributi, Precarietà & Reddito | Commenti disabilitati su Ciao antò, oggi brindiamo alla vita!

 

Antonio Salerno Piccinino è nato il 17 Dicembre 1977 all’ospedale Fate Bene Fratelli di Napoli. Sua madre è Franca Salerno e suo padre è Raffaele Piccinino. Dopo pochi giorni dalla nascita Antonio entra con la madre a  Badu ’e Carros, il carcere speciale di Nuoro. Antonio i primi tre anni di vita li passa in carcere, rompendo il silenzio pneumatico e creando calore in quell’istituzione totale che si chiama carcere speciale utilizzata dallo Stato per portare avanti la sua guerra.

Share

Ci riprendiamo tutto. No allo sgombero di Alexis Occupato

Categoria Beni Comuni & Territori, Contributi, Libertà di movimento, Precarietà & Reddito | Commenti disabilitati su Ci riprendiamo tutto. No allo sgombero di Alexis Occupato

13 dicembre 2012. Il giorno più freddo di questo inverno si è trasformato per i movimenti per il diritto all’abitare in una calda giornata di lotta e ristenza. Questa mattina davanti alle occupazioni di Ponte dei Nona, Torre vecchia, anagnina, viale delle province abbiamo trovato un grande dispiegamento di forze dell’ordine che annunciavano gli imminenti sgomberi. Anche Davanti Alexis si sono presentate diverse volanti della polizia con la chiara intenzione di intimidire e bloccare quanti si stavano radunando, e di impedire lo spostamento a chi stava portando la propria solidarietà verso le occupazioni più a rischio.

In questo momento alcune delle occupazioni di Ponte di Nona sono in corso di sgombero mentre altre si stanno barricando e preparando alla difesa degli spazi. La risposta della giunta in crisi ancora una volta è quella di affrontare con l’ordine pubblico il problema sempre più grave dell’emergenza abitativa di Roma. Esprimiamo il massimo del sostegno e solidarietà ai nuclei familiari sgomberati e continueremo la resistenza qui e per le strade della città.

 

Alexis resistente!

Studentato e casa dei precari

Share