25 aprile sempre

Condividiamo qui le immagini che collettivamente abbiamo scelto per rappresentare questo #25Aprile e alcune riflessioni sviluppate insieme in queste lunghe giornate.
La #liberazione è un esercizio quotidiano!
Buon 25 aprile a tutte e tutti

Focolai di resistenza

Condividiamo qui le immagini che collettivamente abbiamo scelto per rappresentare questo #25Aprile e alcune riflessioni sviluppate insieme in queste lunghe giornate.La #liberazione è un esercizio quotidiano!Buon 25 aprile a tutte e tuttiDiario di bordo giorno 48 …è ora di costruire focolai di resistenza e conflittoÈ passato un mese e mezzo dall'inizio del lockdown, e sulle nostre vite è calato il dubbio e l'incertezza sul domani. Migliaia di persone sono morte. Ed erano madri, padri, fratelli, sorelle, amici di una vita. Ed erano medici, infermieri, personale sanitario e tutti coloro che in questa difficile circostanza si sono messi a disposizione per ognuno di noi. E abbiamo smesso di abbracciarci, di condividere spazi di socialità, i nostri corpi sono stati annullati, per operare il necessario distanziamento sociale. Necessario a limitare la pandemia, che in un sistema impreparato come il nostro avrebbe altrimenti avuto effetti ancora più tragici.Ma nonostante l'operazione di mistificazione portata avanti da istituzioni e media, noi un'idea chiara ce la siamo fatta perché ci siamo fermati a studiare e ragionare insieme.E allora possiamo affermare con certezza che:- le istituzioni sapevano da gennaio dell'insorgenza e della diffusione del Sars-Cov 2 e l'hanno sottovaluta. Da ancora prima erano a conoscenza del rischio pandemia e non si sono preparati;- negli ultimi 20 anni sono stati tagliati 37 MLD di finanziamenti alla sanità pubblica: significa ospedali chiusi, mancanza di posti in terapia intensiva, meno respiratori, meno personale preparato;- ci hanno detto di restare a casa ma le fabbriche, anche quelle che producono beni non essenziali sono rimaste aperte senza le minime misure di sicurezza;- ci hanno detto #iorestoacasa ma ci sono migliaia di persone che una casa non ce l'hanno o che ce l'hanno ed è un inferno;- per mantenere il lockdown, nel silenzio totale, sono stati attribuiti poteri di polizia ai militari, lasciandoci in balia della discrezionalità delle forze dell’ordine, mentre i media si impegnavano ad alimentare la delazione e la caccia all'untore, seminando paura e bombardandoci di dati e informazioni incomplete;- ci hanno distanziato l'uno dall'altro annullando la presenza dei corpi e degli affetti, ignorando perfino la specificità di quelle situazioni con criticità fisiche e psichiche già note;- hanno semplicemente cancellato il diritto dei bambini e le bambine all’aria aperta e lasciato morire gli anziani chiusi a casa o nelle case di riposo, scegliendo chi sacrificare perché non produttivo;- hanno abbandonato nelle carceri e nei cpr migliaia di persone che invece dovevano essere tutelate, così come hanno chiuso fuori dai confini dell’opulenta Europa impaurita, migliaia di migranti in fuga dalla fame e dalle violenze sopportate nel viaggio verso una seconda possibilità;- il capitalismo era già in crisi, ma l'impatto del Covid-19 è senza precedenti ed è globale e trasversale in tutte le economie del mondo;- ci saranno 200 milioni di disoccupati in più, interi settori economici non sapranno come risollevarsi, tutto il sistema era marcio e in balia del mercato e loro non hanno un programma, se non vecchie ricette fatte di debito e privatizzazioni;- hanno sfruttato senza rispetto la natura, distruggendo ecosistemi e biodiversità, inquinando e infiammando i nostri polmoni;E sappiamo che ci sono dei responsabili di tutto questo perché "non impedire un evento che si ha l'obbligo giuridico di impedire equivale a cagionarlo" come recita persino il codice penale che ogni volta che ci ribelliamo ci viene scagliato contro.E allora noi non dimenticheremo e non perdoneremo.Vogliamo un cambio di modello di sviluppo: basta con il capitalismo predatorio che devasta gli equilibri ambientali!Non vogliamo più dover scegliere tra salute e lavoro e per questo reclamiamo reddito per tutte e tutti!Vogliamo che tutte e tutti abbiano una casa!Vogliamo che tutte e tutti abbiano reale accesso ad un sistema sanitario universale e che funzioni!Vogliamo che i sanitari, come chiunque altro, lavorino in sicurezza e vogliamo che tutto il sacrificio fatto fin qui sia servito a rimettere in sesto il servizio sanitario nazionale!Vogliamo che la tecnologia digitale non sia utilizzata come miniera di dati per comprendere e guidare i nostri consumi e le nostre opinioni, tracciando movimenti e relazioni, ma sia trasparente, utile e al servizio delle persone per migliorarne la qualità della vita.Una cosa su tutte la sappiamo, il mondo non sarà più come prima. E nemmeno noi.Per questo saremo focolai di resistenza. Perché contro la retorica della guerra avremo bisogno di riscoprire il valore di parole come cura, mutualismo, solidarietà e responsabilità. #Cura: dal latino cura derivato da ku/kav, osservare. La cura è responsabilità. La responsabilità che segue l'osservazione. Significa vedere l'altro e occuparsi di lui. #Mutualismo: in biologia è l’associazione tra individui che comporta una reciproca opportunità per gli individui coinvolti. Anche se tale rapporto non è obbligato, esse lo scelgono, pur potendo le due specie vivere anche indipendentemente l'una dall'altra. #Solidarietà: rapporto di fratellanza e sorellanza e di sostegno reciproco che unisce i membri di un gruppo… Deriva dal latino solido, perché solidifica le relazioni. #Responsabilità: dal latino: respondere, composto di “re” indietro e “spondere” promettere, più il suffisso “-bile” che indica facoltà, possibilità. E ha a che fare con l'abilità di saper rispondere, prendere in carico una situazione e affrontarla insieme agli altri. Perché il virus ci ha messo di fronte a ciò che le femministe dicono da anni: siamo dipendenti, ecodipendenti e interdipendenti e quindi nessuno si salverà da solo. Possiamo essere autonomi ma non autosufficienti. Per questo dobbiamo lottare non pensando a dove eravamo rimasti, ma a cosa avevamo lasciato indietro. E allora:Dobbiamo ricostruire il tessuto sociale.Dobbiamo ripartire dalla cura delle relazioni. Dobbiamo pretendere politiche pubbliche di protezione sociale che siano universali. Dobbiamo costruire reti di solidarietà e mutualismo. Dobbiamo essere focolai di resistenza!

Julkaissut Acrobax Perjantaina 24. huhtikuuta 2020

Diario di bordo giorno 48 …è ora di costruire focolai di resistenza e conflitto

È passato un mese e mezzo dall’inizio del lockdown, e sulle nostre vite è calato il dubbio e l’incertezza sul domani. Migliaia di persone sono morte. Ed erano madri, padri, fratelli, sorelle, amici di una vita. Ed erano medici, infermieri, personale sanitario e tutti coloro che in questa difficile circostanza si sono messi a disposizione per ognuno di noi.
E abbiamo smesso di abbracciarci, di condividere spazi di socialità, i nostri corpi sono stati annullati, per operare il necessario distanziamento sociale. Necessario a limitare la pandemia, che in un sistema impreparato come il nostro avrebbe altrimenti avuto effetti ancora più tragici.
Ma nonostante l’operazione di mistificazione portata avanti da istituzioni e media, noi un’idea chiara ce la siamo fatta perché ci siamo fermati a studiare e ragionare insieme.
E allora possiamo affermare con certezza che:

– le istituzioni sapevano da gennaio dell’insorgenza e della diffusione del Sars-Cov 2 e l’hanno sottovaluta. Da ancora prima erano a conoscenza del rischio pandemia e non si sono preparati;
– negli ultimi 20 anni sono stati tagliati 37 MLD di finanziamenti alla sanità pubblica: significa ospedali chiusi, mancanza di posti in terapia intensiva, meno respiratori, meno personale preparato;
– ci hanno detto di restare a casa ma le fabbriche, anche quelle che producono beni non essenziali sono rimaste aperte senza le minime misure di sicurezza;
– ci hanno detto #iorestoacasa ma ci sono migliaia di persone che una casa non ce l’hanno o che ce l’hanno ed è un inferno;
– per mantenere il lockdown, nel silenzio totale, sono stati attribuiti poteri di polizia ai militari, lasciandoci in balia della discrezionalità delle forze dell’ordine, mentre i media si impegnavano ad alimentare la delazione e la caccia all’untore, seminando paura e bombardandoci di dati e informazioni incomplete;
– ci hanno distanziato l’uno dall’altro annullando la presenza dei corpi e degli affetti, ignorando perfino la specificità di quelle situazioni con criticità fisiche e psichiche già note;
– hanno semplicemente cancellato il diritto dei bambini e le bambine all’aria aperta e lasciato morire gli anziani chiusi a casa o nelle case di riposo, scegliendo chi sacrificare perché non produttivo;
– hanno abbandonato nelle carceri e nei cpr migliaia di persone che invece dovevano essere tutelate, così come hanno chiuso fuori dai confini dell’opulenta Europa impaurita, migliaia di migranti in fuga dalla fame e dalle violenze sopportate nel viaggio verso una seconda possibilità;
– il capitalismo era già in crisi, ma l’impatto del Covid-19 è senza precedenti ed è globale e trasversale in tutte le economie del mondo;
– ci saranno 200 milioni di disoccupati in più, interi settori economici non sapranno come risollevarsi, tutto il sistema era marcio e in balia del mercato e loro non hanno un programma, se non vecchie ricette fatte di debito e privatizzazioni;
– hanno sfruttato senza rispetto la natura, distruggendo ecosistemi e biodiversità, inquinando e infiammando i nostri polmoni;
E sappiamo che ci sono dei responsabili di tutto questo perché “non impedire un evento che si ha l’obbligo giuridico di impedire equivale a cagionarlo” come recita persino il codice penale che ogni volta che ci ribelliamo ci viene scagliato contro.
E allora noi non dimenticheremo e non perdoneremo.

Vogliamo un cambio di modello di sviluppo: basta con il capitalismo predatorio che devasta gli equilibri ambientali!
Non vogliamo più dover scegliere tra salute e lavoro e per questo reclamiamo reddito per tutte e tutti!
Vogliamo che tutte e tutti abbiano una casa!
Vogliamo che tutte e tutti abbiano reale accesso ad un sistema sanitario universale e che funzioni!
Vogliamo che i sanitari, come chiunque altro, lavorino in sicurezza e vogliamo che tutto il sacrificio fatto fin qui sia servito a rimettere in sesto il servizio sanitario nazionale!
Vogliamo che la tecnologia digitale non sia utilizzata come miniera di dati per comprendere e guidare i nostri consumi e le nostre opinioni, tracciando movimenti e relazioni, ma sia trasparente, utile e al servizio delle persone per migliorarne la qualità della vita.

Una cosa su tutte la sappiamo, il mondo non sarà più come prima. E nemmeno noi.

Per questo saremo focolai di resistenza.
Perché contro la retorica della guerra avremo bisogno di riscoprire il valore di parole come cura, mutualismo, solidarietà e responsabilità.
#Cura: dal latino cura derivato da ku/kav, osservare. La cura è responsabilità. La responsabilità che segue l’osservazione. Significa vedere l’altro e occuparsi di lui.
#Mutualismo: in biologia è l’associazione tra individui che comporta una reciproca opportunità per gli individui coinvolti. Anche se tale rapporto non è obbligato, esse lo scelgono, pur potendo le due specie vivere anche indipendentemente l’una dall’altra.
#Solidarietà: rapporto di fratellanza e sorellanza e di sostegno reciproco che unisce i membri di un gruppo… Deriva dal latino solido, perché solidifica le relazioni.
#Responsabilità: dal latino: respondere, composto di “re” indietro e “spondere” promettere, più il suffisso “-bile” che indica facoltà, possibilità. E ha a che fare con l’abilità di saper rispondere, prendere in carico una situazione e affrontarla insieme agli altri.

Perché il virus ci ha messo di fronte a ciò che le femministe dicono da anni: siamo dipendenti, ecodipendenti e interdipendenti e quindi nessuno si salverà da solo. Possiamo essere autonomi ma non autosufficienti. Per questo dobbiamo lottare non pensando a dove eravamo rimasti, ma a cosa avevamo lasciato indietro.
E allora:
Dobbiamo ricostruire il tessuto sociale.
Dobbiamo ripartire dalla cura delle relazioni.
Dobbiamo pretendere politiche pubbliche di protezione sociale che siano universali. Dobbiamo costruire reti di solidarietà e mutualismo.
Dobbiamo essere focolai di resistenza!

Share

I commenti sono chiusi.